Cipolla ramata di Montoro

News

Cipolla ramata di Montoro

La cipolla ramata di Montoro, che prende il nome dal color rame della sua tunica esterna, ha una forma leggermente schiacciata e un sapore dolce. Una cipolla delicata al gusto e molto aromatica all’olfatto.

La cipolla ramata ha un’elevata percentuale di sostanza secca per questo si presta bene alla conservazione e soprattutto alla lunga cottura, rendendola l’ideale per piatti tradizionali come zuppe o sughi.

Le sue numerose sfoglie interne, di medio spessore sono di colore bianco con venature violacee.

Coltivazione e raccolta

La semina viene effettuata da fine estate a inizio autunno, nel periodo fra settembre e ottobre, su terreni leggeri, ben esposti al sole e idratati.

Si utilizza la tecnica del trapianto, lasciata inalterata secondo la tradizione e quando le piante non producono più nuove foglie e radici allora si è pronti per la raccolta.

Questa fase viene effettuata manualmente per estirpazione in un periodo fra giugno e luglio. Successivamente alla raccolta le cipolle vengono fatte essiccare nel campo, lavorate eliminando le tuniche esterne e confezionate in sacchetti generalmente di juta.

Utilizzo

Recentemente la cipolla ramata di Montoro ha riscontrato molto successo soprattutto nelle pizzerie, dove viene utilizzata per condire diversi tipi di pizze gourmet, con ingredienti locali.

Inoltre, per la sua consistenza può essere utilizzata per zuppe, come quella gratinata, sughi come ad esempio alla genovese, e può anche essere imbottita con pane, alici, pinoli e nocciole.